"Apparizioni di Gesù e dell ‘Immacolata Concezione
in Giampilieri Marina (Messina)" » approfondisci

Ascoltiamo il racconto che della sua odissea ci fa l'interessato, Ferro Natale, messinese, di anni 43, pescivendolo.
"La mia tragica situazione è cominciata il 3/11/1989,- racconta -, quando mi sono fatto i raggi al torace, per ottenere il libretto sanitario per lavorare. Il medico mi ha richiamato per rifarlo, dicendo che c'era qualcosa che non andava bene; difatti hanno trovato una macchia nel polmone di 5 cm. Così mi sono ricoverato all'Ospedale Piemonte, dove mi hanno fatto cascoscopia e broncoscopia e anche la TAC. Il giorno 8/11 la TAC al n. 4389 dà il "Referto: nel lobo medio si reperta una neoformazione solida, a margini lobulati, di 4 cm. di diametro, che amputa il tronco lobale medio e comprime il bronco comune della piramide basale. Si consiglia fibrobronco- scopia". Il 17 dello stesso mese l'Istituto di Chirurgia Toracica dell'Università di Messina (N. 89900) conclude le analisi, comprendenti l'esame bioptico: "npl del bronco medio". A Milano, dove il Ferro è visitato presso l'Ospedale S. Raffaele, gli si consiglia di andare a Catania in una clinica specializzata. Ma non ottenendo i risultati sperati - seguita il Ferro -, "me ne sono andato a Messina". Da qui a Reggio Calabria, dove il Dr. Italo Saladino gli suggerisce una cura giapponese, a base d'un "siero che fa bene in queste malattie".
"Iniziando la cura del Dr. Saladino", il Ferro viene informato di quanto dicono certi suoi parenti del Gesù di Giampilieri M. "Subito dopo, in serata seguita - sono andato dalla famiglia Micali, accolto con affetto e gentilezza... La sera stessa, andando a letto, mi son messo il cotone vicino al polmone", pregando Gesù... Intanto proseguiva la cura, e rifacendo l'esame del sangue, "dopo un po' mi ha telefonato il Dr. Saladino, dicendomi che nell'esame del sangue, risultava bene e perfetto".
Lo stesso Ferro, che ho incontrato in casa Micali la sera del 4 novembre 1992, mentre mi confermava di essere in perfetta efficienza fisica, nonostante la sua faticosa giornata di pescivendolo, mi risponde che da svariate analisi e controlli, il suo tumore risulta sempre presente, ma come incapsulato, bloccato, inattivo.

 

Prenota il tuo pellegrinaggio

Contattaci per prenotare la visita a Giampilieri

Archivio messaggi

Newsletter